Traduttore


domenica 2 settembre 2018

Consci del momento cruciale

"L'anima mia anela al Signore
più che le guardie non anelino al mattino,
più che le guardie al mattino."

Salmo 130:6

Nota: ho predicato questo sermone nella Chiesa Evangelica Battista di Rapallo il 2/9/2018.

SALMO LITURGICO

Lettura nel culto del Salmo 130. 

O SIGNORE, io grido a te da luoghi profondi!
Signore, ascolta il mio grido;
siano le tue orecchie attente al mio grido d'aiuto!
Se tieni conto delle colpe, Signore,
chi potrà resistere?
Ma presso di te è il perdono,
perché tu sia temuto.
Io aspetto il SIGNORE, l'anima mia lo aspetta;
io spero nella sua parola.
L'anima mia anela al Signore
più che le guardie non anelino al mattino,
più che le guardie al mattino.
O Israele, spera nel SIGNORE,
poiché presso il SIGNORE è la misericordia
e la redenzione abbonda presso di lui.
Egli redimerà Israele
da tutte le sue colpe.
Salmo 130 Canto dei pellegrinaggi. 

INTRODUZIONE

Nel decennio tra il 47 e il 57 d.C., l'apostolo Paolo ha evangelizzato con grande impegno le terre bagnate dal Mar Egeo. La Macedonia, l'Acaia, la Galazia e l'Asia sono state raggiunte dal Vangelo vedendo la formazione di numerose comunità cristiane delle quali abbiamo notizie proprio nel Nuovo Testamento. Alla fine di questo periodo Paolo sapeva di aver concluso la propria missione in queste regioni e, avendo l'ambizione di predicare il vangelo là dove non era ancora stato predicato il nome di Cristo (Rm. 15:20), inizia a guardare alla più antica provincia romana in Occidente: la Spagna (Rm. 15:28). Prima di raggiungere questa terra, però, restava l'incombenza di portare a Gerusalemme la colletta raccolta nelle chiese da lui fondate e il desiderio di raggiungere Roma e visitare questa comunità cristiana che ancora non aveva avuto la possibilità di conoscere interamente. Nell'inverno tra il 56 e il 57 d.C., quindi, da Corinto egli scrive la Lettera ai Romani con l'intento di presentare la completezza della tradizione e delle rivelazioni ricevute, prima di raggiungere personalmente questa importante città.

I temi trattati nella Lettera ai Romani sono davvero tanti e importanti. Egli parla infatti del peccato e della retribuzione, della via della giustizia e della via della santità, dell'incredulità umana e della grazia divina. Ma dopo tutti questi argomenti egli presenta con poche parole il senso della vita cristiana in tempi critici come quelli attuali. Ed è proprio questo il brano che desidero considerare assieme a voi questa sera. 
 
LA VITA CRISTIANA NEL MOMENTO CRUCIALE

E questo dobbiamo fare, consci del momento cruciale: è ora ormai che vi svegliate dal sonno; perché adesso la salvezza ci è più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata, il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. Comportiamoci onestamente, come in pieno giorno, senza gozzoviglie e ubriachezze; senza immoralità e dissolutezza; senza contese e gelosie; ma rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non abbiate cura della carne per soddisfarne i desideri.
Lettera ai Romani 13:11-14

Paolo era consapevole di vivere in un momento cruciale del tempo. La sua importanza era data dal Signore Gesù: la cui vita, morte e risurrezione ha scandito l'ultimo rintocco nell'orologio di Dio. La sua risurrezione infatti ha dato inizio a una fase che il Nuovo Testamento chiama quattro volte con “ultimi tempi” e cinque volte con l'espressione “ultimi giorni” nella quale possiamo vivere un'anticipazione di quello che sta per arrivare in modo definitivo, di quello che è prossimo ma non ancora raggiunto. In forma di anticipazione, infatti, noi viviamo le “primizie” dello Spirito (8:23). Viviamo nella speranza della salvezza (8:24), sapendo che la sua manifestazione visibile è riservata per un tempo futuro ma vicino. Viviamo nell'attesa che anche il cosmo sia restaurato in Cristo, e che il velo di vanità a cui è stato sottoposto nella storia venga infine tolto. La pienezza della presenza di Dio, il compimento della nostra salvezza, la restaurazione del creato stanno arrivando. Ma, prima che arrivino, il Signore continua a chiedere a tutti coloro che chiama – ossia a ciascuno di noi – di seguire i suoi passi, osservare i suoi comandamenti e condividere il Vangelo di Dio. Da tutto questo arriva l'esortazione che ci rivolge l'apostolo Paolo. La vita cristiana è una vita che aderisce all'appello di Cristo ma non lo fa in un tempo qualsiasi ma in un tempo cruciale. Siamo al crocevia delle epoche, ed è in questo tempo che è richiesto il nostro servizio. Riconoscendo l'importanza di questo, la nostra prospettiva si allarga e molti altri aspetti futili cadono in secondo piano.

E' questo, infatti, il motivo per cui dobbiamo svegliarci dal sonno: perché la salvezza ci è più vicina di quando credemmo. In quanto credenti, la notte non ci appartiene: l'incoscienza, gli eccessi, l'ubriachezza non riguardano la vita dei cristiani ed è per questo che essi devono gettare via le opere delle tenebre. Vista dall'altro lato, le tenebre stanno comunque per scomparire con l'arrivo del giorno: presto non sarà più tempo per loro e per le loro opere! Anche per questo devono essere abbandonate ora, prima dell'apparizione del Signore. Ci viene richiesto inoltre di essere svegli e non addormentati, ossia di essere consapevoli di quello che avviene attorno a noi e di intervenire consapevolmente per fare la nostra parte piuttosto che subire ogni cosa passivamente. La passività appartiene a chi non conosce quello che sta avvenendo e il Signore che sta governando, ma noi conosciamo entrambi questi aspetti ed è per questo che possiamo indossare le armi della luce.

Cosa sono queste armi della luce? Ai giorni nostri questa espressione sembra quasi uscita da un libro New Age, naturalmente invece non vi ha nulla a che fare. Per capire il significato di queste parole dobbiamo allargare la nostra indagine ad altre lettere paoline. Sei o sette anni prima infatti l'apostolo aveva scritto la sua prima lettera alla comunità appena fondata a Tessalonica una esortazione molto simile a questa, parlando della corazza della fede e dell'amore e dell'elmo della speranza della salvezza (1 Tess. 5:8). Questo concetto sarà poi espresso in modo ancor più approfondito nel famoso brano relativo alla completa armatura di Dio della Lettera agli Efesini (6:11 e ss.). Ecco quindi quali sono le nostre armi della luce! L'esortazione è quella di comportarsi onestamente, senza gozzoviglie e ubriachezza o immoralità e gelosia, indossando la fede e l'amore assieme alla speranza della salvezza. L'apostolo però va oltre e arriva a dire: “rivestitevi del Signore Gesù Cristo”! Nell'opera “Antichità romane” pubblicata nell'8 a.C. - quindi una sessantina di anni prima della nostra lettera – l'autore usa una espressione vicina quando scrive “rivestirsi di Tarquinio” indicando in questo modo l'atto di recitare facendo la parte di tale Tarquinio. L'indicazione apostolica che stiamo valutando però ha un retroterra teologico diverso. L'insegnamento pratico dato ai convertiti nel Nuovo Testamento era infatti frequentemente quello di “rivestirsi” delle virtù cristiane come se fossero abiti (cfr. Col. 3:12), e poiché questi aspetti riguardano la loro e la nostra nuova natura in Cristo, con una semplice transizione è possibile dire:

Infatti voi tutti che siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo.
Galati 3:27

L'agire cristiano dunque non riguarda una recita, ma una identificazione. Battezzati in Cristo abbiamo ricevuto una nuova identità e ora la personalità di Cristo è riprodotta nel suo popolo, è riprodotta in noi. Per questo dobbiamo essere consapevoli (ossia porre la nostra attenzione a questa verità spirituale) di tale aspetto e vivere conformemente a questa nostra condizione. Non avendo cura della carne per soddisfarne i desideri, la nostra condizione spirituale in Cristo troverà spazio per manifestarsi ed esprimere il carattere stesso del Signore. E tutto questo, in un tempo così cruciale. Un tempo che aspetta il nostro passo di ubbidienza al Signore, prima del suo ritorno.

CONCLUSIONE

Nell'importantissima Lettera di Paolo ai Romani abbiamo considerato un breve estratto che riguarda una esortazione per la vita cristiana in tempi cruciali, e tali sono anche e proprio i nostri tempi. L'immagine presentata è quella di una notte avanzata che sta per raggiungere i primi bagliori dell'alba e rappresenta il periodo che stiamo vivendo in attesa della “lucente stella del mattino”, ossia in attesa del ritorno del Signore. In questo tempo di particolare attesa e tensione siamo chiamati ad abbandonare le opere delle tenebre, ossia a non curarci della nostra carne e dei suoi desideri, e a indossare le armi della luce rivestendoci del Signore Gesù Cristo. Avendo aderito all'appello del Vangelo di Dio, infatti, ed essendoci battezzati in lui ora ci siamo anche rivestiti di lui: ossia abbiamo ricevuto la sua giustizia e la possibilità di manifestare gli aspetti del suo carattere. Questo deve essere il modo che caratterizza la nostra vita, nell'attesa della beata speranza della sua apparizione (cfr. Tito 2:11-14).
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...